Oggi:

2018-06-23 04:03

Te lo Do Io il Modello Treviso

“RIFIUTI ZERO” NEL CONTRATTO DI GOVERNO

di: 
Monica Tommasi e Rosa Filippini

Non potendo ricorrere all’esempio di Roma Capitale, per spiegare concetti quali “rifiuti zero” ed “economia circolare”, il famoso Contratto per il governo del cambiamento fra la Lega e il Movimento 5 Stelle indica come riferimento il modello della Provincia di Treviso, studiato in tutto il mondo. Anche noi siamo d’accordo.

Senza dubbio, le amministrazioni e le aziende di servizi di Treviso costituiscono  una esperienza di efficienza e di buon governo invidiabili dalla grande maggioranza delle città italiane, almeno per ciò che riguarda questo settore. Tuttavia, ci siamo presi la briga di tracciare i flussi dei rifiuti trevigiani sulla base dei dati ufficiali contenuti nell’ultimo Rapporto sui rifiuti redatto dall’ISPRA. Lo scopo dell’esercizio è quello di rendere chiaro che, persino in una provincia relativamente piccola (900.000 abitanti) e ordinata del Nord est, caratterizzata da un alto senso civico e da una lunga esperienza di buone pratiche, il risultato finale non è “rifiuti zero” ma almeno 71.426 tonnellate di rifiuti all’anno da smaltire, in discarica o inceneritore, altrove, in altra provincia o nella vicina Lombardia che, grazie ai suoi inceneritori, contribuisce non poco a scongiurare qualsiasi rischio di emergenza del fantastico Nord.

Clicca sull'immagine per ingrandire