Oggi:

2017-03-23 17:20

Home

Giuseppe Tommassetti

Il calore risulta il principale vettore impiegato per soddisfare gli usi finali di energia in Italia ma ha sempre ricevuto una attenzione più distratta rispetto al vettore elettricità; il calore è stato visto meno strategico per la minore complessità dei suoi impianti di generazione, per la dispersione di questi presso le utenze e per la possibilità di utilizzare fonti sostitutive.
Il documento analizza la situazione attuale che vede ridursi molte di queste differenze in una evoluzione che sembra andare verso una crescente integrazione sovrapposizione e sostituibilità di questi due vettori, l’economia circolare.
Questa evoluzione viene documentata dal passaggio dalle informazioni fornite del tradizionale documento italiano, il BEN, a quelle fornite dal documento comunitario EUROSTAT, infine dai resoconti per gli impegni per il programma 20/20/20.

STADIO DELLA ROMA A TOR DI VALLE

Antonello Fiore*

Il confronto delle scorse settimane fra la giunta capitolina e l’Associazione Sportiva Roma Spa hanno portato la Società Italiana di Geologia Ambientale, Sigea, a manifestare e condividere pubblicamente alcune riflessioni sulla pericolosità idrogeologica dell’ubicazione dello stadio e delle opere annesse nel sito di Tor di Valle. I rappresentanti Sigea tengono a precisare che, se ci fosse un referendum a supporto dello stadio, voterebbero SI; ma nello stesso tempo non ritengono corretta la procedura di sottoporre al giudizio dei cittadini e al loro coinvolgimento emotivo alcune scelte relative all’ubicazione di infrastrutture importanti. Scelte strategiche che - in un paese fragile - si devono basare su principi urbanistici, paesaggistici, di mobilità sostenibile e sulla assoluta assenza di pericolosità idrogeologica.

DOVE VANNO ALCUNI RIFIUTI DELLA REGIONE CAMPANIA

Redazione

E difficile ricavare dai dati ufficiali quanti rifiuti urbani vengano esportati dall’Italia, quanto costino queste operazioni e chi le paghi. Una delibera della Regione Campania, intercettata casualmente, rivela che la destinazione di alcuni rifiuti è una discarica bulgara. Gli Amici della Terra hanno elaborato graficamente il percorso di questo carico di rifiuti sulla base della Delibera Dirigenziale della Regione Campania che ne autorizza l’esportazione

IL PIANO DEL GOVERNO E LE POLEMICHE ANIMALISTE

Franco Zunino

Quanti sono i lupi in Italia per davvero? La stima prudenziale di Franco Zunino, segretario Generale dell’associazione Wilderness Italia e conoscitore del lupo dell’Appennino italiano e del suo habitat, è superiore alle stime ufficiali. Questa è, allo stesso tempo, una buona notizia (le politiche di protezione hanno avuto successo) e allarmante (anche i pastori e gli armenti hanno bisogno di protezione). Senza misure di contenimento e rimborsi certi, la convivenza dei lupi con le comunità umane e le attività economiche fragili e rare della montagna diventa difficile. Ma, mentre il Piano del Governo viene aggredito dalle critiche animaliste, il bracconaggio passa sotto silenzio.

Beniamino Bonardi

Pubblichiamo la proposta di Corpo civile volontario che Beniamino Bonardi ha elaborato per il movimento politico de La Marianna e che ci è parsa originale perché, rispetto alle proposte di reddito garantito, la logica è ribaltata: l’obiettivo prioritario è la tutela e la manutenzione dell’ambiente, del patrimonio artistico e la manutenzione ordinaria delle scuole, nell’interesse della collettività. L’Esercito del lavoro opererebbe al servizio di enti pubblici, dipenderebbe dalla Presidenza del Consiglio e farebbe parte del Dipartimento della Protezione Civile. Aperto a tutti coloro che hanno compiuto 18 anni e non stanno lavorando. Durata del servizio: 12 mesi. Paga di 577 euro al mese, più vitto e alloggio. Riconoscimento del servizio svolto al fine dei concorsi pubblici e convenzioni con Università per crediti formativi. Finanziato con un Fondo di 3,5 miliardi di euro l’anno, derivanti da un aumento del 2,5 – 2,6 per cento della tassazione sul comparto dei giochi e delle scommesse.

IN MEMORIA

aa.vv.

SINDACI GRILLINI E GESTIONE DEI RIFIUTI

Sergio Gatteschi

A Livorno, il Sindaco Nogarin si affida all’inceneritore per risolvere debiti e rifiuti ma, anziché ammettere il cambio di posizioni, annuncia lo smantellamento dell’impianto e la sua sostituzione con un “pratino”…. ma solo dopo il suo mandato!

PERCHE' NO ALLO STADIO DELLA ROMA

Oreste Rutigliano*

Chi l’ha detto che un panorama di grattacieli sia, ovunque e comunque desiderabile? I grattacieli nulla aggiungono a Roma e, anzi, molto potrebbero toglierle malamente e per sempre. Tanto più se introdotti surrettiziamente, da operazioni privatistiche inventate su aree preziose all’ambiente ed al fiume, oggi da intendersi quale infrastruttura verde a fondamento di una città che cerca equilibrio tra i suoi troppi pieni ed i suoi vuoti. Dall’ultimo numero del Bollettino di Italia Nostra riprendiamo l’articolo con cui lo storico esponente di Italia Nostra spiega i motivi del No al progetto di Stadio della Roma

PERCHE' SI' ALLO STADIO DELLA ROMA

Chicco Testa*

Il calcio è un’industria nazionale, che ha bisogno di luoghi di “produzione” adeguati. Un progetto completo di trasformazione urbana, la creazione di un polo sportivo, commerciale , direzionale destinato a diventare una centralità urbana di prima grandezza”. Chicco Testa ha esposto le ragioni a favore del Progetto di stadio della Roma sulle pagine romane del Corriere della Sera del 9 febbraio scorso

Si chiama Doniamo Energia ed è l’iniziativa lanciata dal Banco dell’energia Onlus, costituito dalla multiutility a2a insieme alle Fondazioni Aem (Milano) e Asm (Brescia), e dalla Fondazione Cariplo.

LA MODIFICA DELLA DIRETTIVA UE SULL’EFFICIENZA ENERGETICA

Tommaso Franci

E’ all’esame del Parlamento italiano la proposta di modifica della Direttiva 2012/27UE per l’efficienza energetica. L’obiettivo al 2030, formulato dalla Commissione UE in termini di riduzione dei consumi, non è adeguato perché non distingue fra gli effetti della crisi e il livello di efficienza effettivamente conseguito. Inoltre, l’obiettivo obbligatorio dell’aumento percentuale annuale di risparmi di energia risulta penalizzante per Paesi come l’Italia, perché non tiene conto dei risultati già conseguiti e del maggior costo per conseguirne di nuovi attraverso un più alto livello tecnologico. Gli Amici della Terra tornano a proporre la “Ricetta Italiana” per la scelta di obiettivi relativi all’intensità energetica e per una strategia realistica ed efficace.

LA STRUTTURA DEGLI USI FINALI DELL’ENERGIA

Giuseppe Tomassetti

Abbiamo chiesto a Giuseppe Tomassetti, Vice Presidente di FIRE, la Federazione Italiana per l’Uso Razionale dell’Energia, di definire gli usi finali dell’energia e l’evoluzione della loro struttura. Ci ha risposto con un suo scritto del 2005 integrato da una breve nota di aggiornamento. La proponiamo ai lettori de l’Astrolabio che vogliano orientarsi meglio nell’analisi dei bilanci di energia e nella lettura delle direttive europee contro i cambiamenti climatici.

CAMBIAMENTI CLIMATICI

Gianluca Alimonti*

I grandi mezzi di comunicazione tendono a dare per scontato l’aumento della frequenza di eventi meteo estremi e ad attribuirne la responsabilità ai cambiamenti climatici di origine antropica. L’autore smentisce tale tendenza fornendo una lettura critica dell’ultimo report della World Meteorological Organization e una rassegna puntuale dei dati disponibili in letteratura.

ENERGIA DA FONTI OCEANICHE

Ada Conversano

L’energia da fonti oceaniche sfrutta il moto ondoso e può avere applicazioni interessanti anche in Italia. Pubblichiamo un elaborato di Ada Conversano, studentessa in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano, che illustra brevemente le caratteristiche di questa fonte rinnovabile e la grande varietà di tecnologie che potrebbero sfruttarla.
Il testo riprende anche alcuni dati di uno studio di fattibilità di S. Bozzi, G. Gruosso e G. Passoni, e presenta uno dei progetti più significativi tra quelli messi in atto nel giovane panorama mondiale di questa fonte, il Perth Wave Energy Project. Si tratta di un progetto australiano che coniuga la produzione di energia da moto ondoso con la desalinizzazione di acqua di mare.