Oggi:

2019-12-14 10:02

Home

L’ILVA CHIUDE?

Giuliano Cazzola

Per tornare sull’argomento dell’ILVA di Taranto (trattato dall’Astrolabio, fin dal 2012, per la vicenda in se e per i suoi aspetti emblematici), abbiamo deciso di rivolgerci ad un sindacalista e politico di grande cultura, non ambientalista di estrazione ma capace di vedere la realtà, i paradossi della politica e della giustizia e di distinguere una seria politica ambientale da un ambientalismo di maniera, ideologico e  autolesionistico sia per l’ambiente che per l’economia.

SVILUPPO SOSTENIBILE

Stefano Venier*

Falsi miti e battaglie di retroguardia sulla sostenibilità. Il caso plastica: non demonizzare ma renderla pienamente riciclabile. Puntare sull’innovazione. Servono idee, risorse, un piano. Proviamo a costruire nuove partnership fra pubblico e privato. Dalle pagine di #buonenotizie del Corriere della Sera del 3 dicembre scorso, riprendiamo un lucido intervento di Stefano Venier sul tabù dell’industrializzazione.

PUBBLICATE LE BAT CONCLUSIONS DELLA UE

Lighea Speziale e Lorenzo Ceccherini*

Il 4 dicembre scorso sono state pubblicate le BAT Conclusions per il settore dell’incenerimento dei rifiuti nelle 24 lingue ufficiali dell’Unione, dopo 5 anni di intensi scambi e discussioni tra istituzioni europee, associazioni di categoria, stati membri e associazioni ambientaliste. Il documento descrive le migliori tecniche disponibili in termini impiantistici, gestionali e di controllo finalizzate ad evitare o ridurre le emissioni in aria, acqua e suolo.

XI CONFERENZA NAZIONALE PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

L’annuale appuntamento degli Amici della Terra ha affrontato in modo pragmatico i temi del clima e dell’energia di attualità nelle scadenze nazionali, europee e internazionali. In questo breve sunto riportiamo le principali questioni su cui si è soffermato il dibattito. Gli atti, le presentazioni, le foto e il video completo dell’evento sono disponibili sulla pagina dedicata del sito www.amicidellaterra.it

ENERGIA DA MOTO ONDOSO

Vincenzo Michetti*

L’Inertial Sea Wave Energy Converter, ISWEC è il primo esempio al mondo di sistema «attivo» per la produzione di energia da moto ondoso integrato con fotovoltaico ed energy storage. È stato realizzato dalla Direzione Ricerca e Sviluppo di Eni nell’ambito del programma “MaREnergy”, per lo sviluppo di un sistema di produzione in grado di convertire l'energia delle onde del mare in energia elettrica.

EMISSIONI DIRETTE DI METANO

Poppy Kalesi*

Con la transizione energetica, il ruolo del gas diventa importante in tutto il mondo. È opportuno che l’Europa si doti delle misure necessarie a ridurre il più possibile le emissioni dovute ai rilasci di metano anche considerando che il loro impatto sul riscaldamento globale è molto alto, benché limitato nel tempo. L’associazione ambientalista internazionale EDF-Environmental Defense Fund promuove un satellite per individuare i rilasci di metano in tutto il mondo e conduce una campagna per ridurre quelli dell’industria energetica.

VERSO L’XI CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Claudio Palmieri*

Il sistema dei TEE, una best practice italiana che ha dato ottimi risultati in termini di costo/efficacia, è da rilanciare e non da affossare perché si tratta della più importante sperimentazione della teoria economica dei permessi negoziabili applicata all’efficienza energetica. L’autore, energy manager in una grande azienda, interviene nel dibattito aperto sull’Astrolabio sostenendo che le aste sono uno strumento ottimale per le fonti rinnovabili, ma non per l’efficienza energetica.

VERSO L’XI CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Dario Di Santo

FIRE, l’associazione dell’Energy Management, com’è ovvio, sta sul pezzo dei Certificati bianchi e del loro indispensabile rilancio. Dalla loro newsletter, sulla scia del dibattito aperto, proponiamo l’intervento del direttore che ricapitola le critiche e le proposte di FIRE presentate in diverse sedi.

LA RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI

Beniamino Bonardi

PRODUZIONE DI BIOGAS E BIOMETANO

Vito Iaboni

Dalla digestione anaerobica dei rifiuti organici si genera un biogas costituito principalmente da metano e anidride carbonica. Dal processo denominato “upgrading” è possibile ottenere dal biogas il biometano avente le stesse caratteristiche chimico-fisiche del metano. Il biometano è utilizzabile in vari settori energetici con sviluppi ambientali vantaggiosi nell’ambito dell’economia circolare. Il potenziale di produzione del biometano stimato dal CIB (Consorzio Italiano Biogas) al 2030 è di 8 miliardi di Sm3 (Standard metri cubi).

VERSO L’XI CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Alessandro Mengoli* e Raffaele Scialdoni**

L’articolo di ERmetici & SFidanti ha suscitato grande attenzione nel mondo degli Energy Managers e degli osservatori più attenti, tanto da guadagnarsi la prima pagina della Staffetta Quotidiana. Ma anche molte critiche nel merito. Altri due collaboratori eccellenti dell’Astrolabio, hanno deciso di metterle per iscritto, in un articolo altrettanto interessante, che ripropone le ragioni di un meccanismo la cui complessità è adeguata ai risultati attesi e consiglia il miglioramento delle procedure come rimedio alla crisi.

IL MERCURIO NEI FIUMI E NEL MARE

Pierfranco Lattanzi*

Sono stati pubblicati i risultati di una prima indagine sulla diffusione del mercurio nei bacini del Paglia e del Tevere. Lo studio è stato realizzato, negli ultimi tre anni, dalle Agenzie regionali per l’ambiente di Lazio, Umbria e Toscana in collaborazione con le Università di Firenze e Perugia e con le autorità sanitarie, anche a seguito della campagna degli Amici della Terra del 2016 .

VERSO L’XI CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Claudio Palmieri* e Fabio Roveda*

Riflessioni sulle potenzialità dell’efficienza energetica. Gli autori osservano come l’uso razionale dell’energia comporti quasi sempre un uso ottimale delle risorse materiali e, persino, immateriali. Ecco perché l’obiettivo dell’efficienza rimane prioritario per le politiche europee.

RECENSIONE

Enzo Moretto e Anita Frison

VERSO L’XI CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

ERmetici & SFidanti

I TEE, Titoli di Efficienza Energetica o Certificati Bianchi, ideati in Italia per promuovere interventi di efficientamento energetico, soprattutto nel settore industriale, si sono guadagnati, anche a livello internazionale, la fama di essere uno degli strumenti più costo-efficaci. Da qualche anno però, a seguito di numerosi rimaneggiamenti, il meccanismo sembra generare più ricorsi che risparmi. Due collaboratori eccellenti dell’Astrolabio analizzano la situazione senza fare sconti a nessuno e propongono una cura.