Oggi:

2016-12-04 13:08

Home

OTTAVA CONFERENZA NAZIONALE PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Monica Tommasi, Presidente degli Amici della Terra

L’ottava Conferenza Nazionale per l’Efficienza Energetica  che si è tenuta il 21 e 22 novembre a Roma (tutti gli atti sono disponibili a questo link), nella cornice di Palazzo Rospigliosi, è stata, quest’anno, particolarmente densa di contenuti con le sue quattro sessioni dedicate rispettivamente all’efficacia delle politiche energetico – climatiche sul piano interno e su quello internazionale, all’integrazione degli strumenti di promozione dell’efficienza energetica con quelli di messa in sicurezza sismica, alla promozione degli usi efficienti del vettore elettrico.

OTTAVA CONFERENZA NAZIONALE PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Fabio Pistella

La seconda sessione della ottava Conferenza per l’efficienza energetica ha affrontato il problema dell’ entità e dell’efficacia degli investimenti per le politiche energetico climatiche in considerazione degli obiettivi globali che la comunità internazionale si è posta. Nella sua relazione introduttiva, il prof. Pistella mette l’accento sulla necessità di una strategia realistica che consenta di affrontare, contestualmente ai problemi ambientali, le cause e gli effetti drammatici delle crisi politiche, degli eventi bellici, della povertà, del terrorismo.

EXPORT DI RIFIUTI URBANI

Beniamino Bonardi

il 22 novembre si è tenuto a Roma il convegno “Il piano Nathan per Roma. ATAC e AMA. Portare i libri in Tribunale e indire gare europee”, organizzato da La Marianna e Fondazione Luigi Einaudi. Pubblichiamo un articolo tratto dall’intervento di Beniamino Bonardi, aggiornato alle più recenti notizie sull’export dei rifiuti urbani di Roma Capitale.

APPELLO PER IL REFERENDUM ISTITUZIONALE

Il 4 dicembre si terrà il referendum per l’approvazione definitiva delle modifiche alla Costituzione già approvate dal Parlamento. Tommaso Franci, membro della Direzione Nazionale degli Amici della Terra, si è fatto promotore dell’appello “Il 4 dicembre ci vuole un sì per l’ambiente”. L’appello illustra da un punto di vista ecologista le ragioni per l’approvazione della riforma che viene ritenuta fondamentale per un miglior funzionamento delle istituzioni e delle politiche ambientali. Pubblichiamo il testo dell’appello e i nomi dei primi firmatari. E’ possibile aderire all’appello anche tramite la pagina web dedicata all’indirizzo https://firmiamo.it/il-4-dicembre--ci-vuole-un-si-per-l-ambiente .

VERSO L’OTTAVA CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Giovannangelo Montecchi Palazzi

Alla luce degli esiti della CoP 21 di Parigi, il tema della seconda sessione della VIII Conferenza Nazionale sull’efficienza energetica promossa da Amici della Terra- “Efficacia degli investimenti per la decarbonizzazione, equo accesso all’energia, cooperazione internazionale”- è quanto mai attuale. Dove concentrare le risorse per ottenere risultati significativi in termini di riduzione di emissioni nocive e di sviluppo sostenibile?

TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA

Rosa Filippini

Per un paese come l’Italia dove le abitazioni e i servizi coincidono spesso con il patrimonio storico e monumentale, la prevenzione è un programma ambizioso, non è amministrazione ordinaria. Prima di essere una questione tecnica di protezione civile, è un problema di sistema, quindi innanzitutto politico e culturale.

TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA

Mario Signorino

Pubblichiamo la sintesi dell’intervento di Mario Signorino, alla Conferenza “Per un’Italia piu’ sicura - Le vie dimenticate della prevenzione”, organizzata dagli Amici della Terra e dall’ISAT il
Il 22 aprile 2009, a poche settimane dal terremoto de L'Aquila e a cento anni dalla tragedia del terremoto catastrofico di Messina 1908. La prevenzione dai rischi naturali è stato uno degli impegni più assidui dello storico dirigente degli Amici della Terra, venuto a mancare questa estate. Questa sintesi del suo intervento alla Conferenza è ancora oggi di piena attualità. Anzi l’accenno al segnale di interesse da parte delle assicurazioni risulta eccessivamente ottimista. Non resta che augurarsi di non doverlo ripubblicare in futuro.

RISCHI NATURALI

Leonello Serva

I disastri naturali che minacciano l’Italia sono molteplici. Una corretta politica di prevenzione richiede anche di operare scelte fra gli interventi possibili per attenuare le conseguenze degli eventi calamitosi. Innanzitutto però occorre essere consapevoli dei rischi che si corrono.

VERSO L’OTTAVA CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Agime Gerbeti

L’EU pone incisivi limiti emissivi alle proprie industrie e contemporaneamente importa nel proprio mercato, il più importante al mondo con 510 milioni di consumatori, beni prodotti con vettori energetici e processi industriali altamente inquinanti, e li considera, da un punto di vista energetico ambientale, come se fossero fabbricati con i migliori standard ambientali europei. Occorrono nuovi strumenti per superare le contraddizioni delle politiche ambientali europee basate sul sistema ETS.

VERSO L’OTTAVA CONFERENZA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

Giovannangelo Montecchi Palazzi

In vista della Ottava Conferenza sull’Efficienza Energetica che, quest’anno, intende discutere – fra l’altro- dell’efficacia delle politiche europee per la de carbonizzazione dell’economia, l’Astrolabio avvia la pubblicazione di articoli e documenti di diverso segno che favoriscano un dibattito aperto e privo di pregiudizi. In questo primo articolo, l’autore, a partire da un’intervista rilasciata da Christine Lagarde quasi un anno fa, sintetizza la posizione del Fondo Monetario Internazionale che appare assai divergente dalle politiche attuate dall’Unione Europea.

DIRETTIVA SUI COMBUSTIBILI ALTERNATIVI

Gli Amici della Terra danno un giudizio positivo dello schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva sui combustibili alternativi, la cosiddetta Direttiva Dafi (Deployement of alternative fuel infrastrucuture), attualmente sottoposto al parere del Parlamento e delle Regioni.

POLITICHE PER LA QUALITÀ DELL’ARIA

Tommaso Franci

I principali strumenti di intervento per la riduzione delle emissioni inquinanti dei mezzi di trasporto stradale pesante e per la tutela della qualità dell’aria, oltre agli standard dei combustibili, sono oggi gli standard tecnologici previsti dalle normative UE per gli autoveicoli.

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

Redazione

Per la pubblicazione della Carta delle aree potenzialmente idonee alla localizzazione del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, attesa da oltre un anno, se ne dovrà aspettare (almeno) ancora un altro. I ministri competenti hanno infatti deciso di farla precedere dalla discussione del Programma nazionale. In tal modo, ha affermato il ministro dello sviluppo economico, si avrà una migliore conoscenza dei termini della problematica. Giustissimo, se non fosse che la Carta è già stata redatta e non verrà certo modificata dalla discussione del Programma nazionale. Il sospetto è quindi che ciò che in realtà si cerca è solo il rinvio.
La Carta delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) ad ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, pronta dal luglio del 2015, non sarà pubblicata, in pratica, prima di un anno. È quanto, di fatto, ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, durante un’audizione di fronte alla commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti, in cui ha riconosciuto che ci sono “stati ritardi e criticità nella gestione dell’intero processo. Credo, tuttavia, che nelle ultime settimane si siano finalmente create le condizioni per riprendere un lavoro serio di approfondimento, confronto e garanzia. Vi sono oggi le condizioni per verificare con i cittadini passo dopo passo la correttezza delle procedure”.

EMERGENZA RIFIUTI

Sergio Gatteschi

Attraverso una rassegna dalla stampa estiva l’autore racconta la lunga serie di emergenze dei rifiuti solidi urbani in più di mezza Italia: una sporca storia di degrado urbano, di irresponsabilità politiche, di disinformazione. Chi continua ad agitare il tabù dell’incenerimento dei rifiuti e a impedire la realizzazione degli impianti dovrebbe rispondere politicamente delle emergenze e dell’ormai abituale ricorso all’esportazione dei rifiuti urbani, una pratica disonorevole per il nostro paese.

TRIGENERAZIONE DA BIOMASSE

A Tirano, in provincia di Sondrio la prima produzione di freddo per un'utenza allacciata al teleriscaldamento da biomasse. La società di teleriscaldamento e cogenerazione della Valtellina Valchiavenna e Valcamonica verso l'autonomia finanziaria.