Oggi:

2021-11-30 18:46

Secondo sì in Senato per tutela ambiente e animali in Costituzione

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Mercoledì 3 novembre è stato approvato in seconda lettura dal Senato, con 218 voti a favore, nessun contrario e nessuna astensione, il ddl di riforma della Costituzione a tutela dell’ambiente, che modifica gli articoli 9 e 41 della Carta fondamentale. Il testo, già approvato in prima lettura dal Senato il 9 giugno e dalla Camera il 12 ottobre, tornerà alla Camera per il voto definitivo.

Il ddl costituzionale si compone di tre articoli. L’articolo 1 aggiunge un nuovo comma all’articolo 9 della Costituzione prevedendo che la Repubblica tuteli, oltre al paesaggio e al patrimonio storico-artistico della Nazione, anche “l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni”; viene inoltre introdotto un principio di tutela degli animali, le cui forme e i modi sono definiti dalla legge dello Stato.

L’articolo 2 modifica l’articolo 41 della Costituzione in merito alla libertà di iniziativa economica privata stabilendo che questa non possa svolgersi in danno alla salute e all’ambiente; inoltre viene riservata alla legge la disciplina per indirizzare e coordinare l’attività economica pubblica e privata, non solo a fine sociale, ma anche ambientali.

Infine, l’articolo 3 contiene una clausola di salvaguardia per il principio di tutela degli animali nelle Regioni a statuto speciale e nelle Province autonome di Trento e di Bolzano, prevedendone l’applicazione nei limiti delle competenze legislative ad esse riconosciute dai rispettivi statuti.