Oggi:

2018-02-18 22:49

Rifiuti, online i dati sui costi di gestione del 2016

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Sul portale Catasto rifiuti dell’Ispra sono disponibili online i dati, relativi al 2016, sui costi di gestione dei servizi di igiene urbana su scala regionale e per macroarea geografica. I dati derivano dalle elaborazioni condotte da Ispra sulle banche dati annuali del modello unico di dichiarazione ambientale.
Gli indicatori analizzati sono:

  • costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione dei rifiuti urbani differenziati;
  • costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione dei rifiuti urbani indifferenziati;
  • costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione totale dei rifiuti urbani.

Il costo medio annuo pro capite di gestione totale dei rifiuti a livello nazionale è stato di 167,47 euro, con forti differenze tra le varie aree geografiche: 149,83 al Nord, 209,14 al Centro e 171,24 al Sud. I costi più alti si sono registrati in Liguria (218,41 euro) e nel Lazio (216,64), mentre quelli più bassi sono stati in Molise (123,29) Friuli-Venezia Giulia (127,13).

Il costo medio annuo pro capite di gestione dei rifiuti indifferenziati è stato di 48,46 euro al Nord, 57,67 al Centro e 43,28 al Sud.

Il costo medio annuo pro capite delle raccolte differenziate è stato di 45,13 euro al Nord, 67,47 al Centro e 43,28 al Sud.