Oggi:

2018-10-18 21:07

Altre 25 discariche abusive escono dalla sentenza di condanna Ue

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Altri 25 siti escono dalla lista delle discariche abusive per le quali l’Italia è condannata a pagare, in seguito della sentenza di condanna della Corte di giustizia europea del 2 dicembre 2014. La documentazione inviata lo scorso giugno dal ministero dell’Ambiente alla Commissione Ue chiedeva l’esclusione dalla lista per 33 discariche ma l’esecutivo di Bruxelles ha ritenuto che per otto di esse non sussistano ancora le condizioni.

Le discariche abusive in questione fanno parte del pacchetto di 200 che il 2 dicembre 2014 indussero la Corte di giustizia dell’Ue a condannare l’Italia al pagamento di una sanzione forfettaria di circa 40 milioni di euro e di una penalità semestrale di oltre 42 milioni di euro, per la mancata esecuzione della sentenza di condanna del 26 aprile 2007 da parte delle amministrazioni comunali e regionali, all’interno del cui territorio ricadono le discariche non in regola con la direttiva rifiuti. Con l’uscita dalla sentenza di queste ulteriori 25 discariche, quelle ancora oggetto della sentenza di condanna dell’Italia sono scese a 77 e la sanzione semestrale si abbassa a 16 milioni di euro.

Delle 77 discariche abusive ancora oggetto della condanna, 23 sono in Calabria, 14 in Abruzzo, 11 in Campania, 10 in Sicilia, sei nel Lazio, in Puglia e in Veneto, una nelle Marche.

Delle ultime 25 discariche uscite dalla sentenza di condanna, 14 riguardano la Regione Campania, quattro l’Abruzzo, tre il Lazio, una a testa la Sicilia, l’Umbria, il Veneto e la Toscana. Si tratta in particolare dei siti di Cava Baino (Casamicciola Terme, NA), Battitelle (Cusano Mutri, BN), Fosso delle Nevi (Durazzano, BN), Toppo Pagliano (Montefalcone di Val Fortore, BN),  Calvano (Apice, BN), contrada Bolla (Solopaca, BN), Capitorto (Casalduni, BN), contrada chiusa Barricelli (Santa Croce del Sannio, BN), Sassinora  (Morcone, BN), Fruscio (Calvi, BN), Sella del Corticato (Teggiano, SA), Cavone Santo Stefano (Rotondi, AV), Formulano (Villamaina, AV), Petrito Colle Ducito (Gioia Sannitica, CE),  Civitella (Torrebruna, CH), Fonticello (Colledimacine, CH), Fosso Quercia La Serra (Montebello sul Sangro, CH), Valle dei Dieci (Taranta Peligna CH), Valesani Le Cese (Patrica, FR), Monte Castellone (Monte San Giovanni Campano, FR), Punta delle Monache (Vignanello, VT) Penisola Magnisi (Priolo Gargallo, SR), Vignavecchia (Gualdo Tadino, PG), Area Sordòn (Venezia) e Le Porte (Isola del Giglio, GR).