Oggi:

2020-08-12 17:59

Entra in vigore il decreto sui sottoprodotti

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Sulla Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio è stato pubblicato il decreto del ministero dell’Ambiente che contiene i criteri indicativi per agevolare la dimostrazione della sussistenza dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti e non come rifiuti.

Tra le varie disposizioni, vi è quella riguardante il deposito e il trasporto dei sottoprodotti, che possono essere effettuati anche accumulando sottoprodotti provenienti da diversi impianti o attività, purché abbiano le medesime caratteristiche e non ne vengano alterati i requisiti che ne garantiscono l'utilizzo. Il produttore è responsabile della gestione del sottoprodotto sino a che non lo cede all’utilizzatore o a un intermediario.

Produttori e utilizzatori dei sottoprodotti devono iscriversi in un apposito elenco presso le Camere di commercio, dove deve essere indicata la tipologia di sottoprodotti oggetto di attività. L’elenco è pubblico e consultabile via Internet.