Oggi:

2018-07-22 10:48

Sistri, verso la quinta proroga

QUEL CHE C’È DA SAPERE

A causa di un ricorso pendente davanti al Tar del Lazio, sarà inevitabile una proroga dei termini in scadenza il prossimo 31 dicembre per quanto riguarda l’affidamento del nuovo Sistri, il Sistema di controllo di tracciabilità dei rifiuti, dopo che con il decreto legge “Milleproroghe” di fine 2016 era stato prorogato per la quarta volta il doppio regime (cartaceo e informatico) per la registrazione dei rifiuti speciali. In base a quella disposizione, per tutto il 2017 non si applicano le sanzioni relative al Sistri, eccetto quelle concernenti l'omissione dell'iscrizione al Sistema e il pagamento del contributo per l'iscrizione stessa, che sono già operative dal 1° aprile 2015. Queste sanzioni sono state ridotte del 50%.

L’annuncio della quinta proroga è stato dato dalla sottosegretaria all’Ambiente, Silvia Velo, rispondendo per iscritto a un’interrogazione del Pd in commissione ambiente della Camera. La necessità del nuovo rinvio è data dal fatto che la gara per il nuovo affidamento della concessione del servizio è stata vinta dal raggruppamento di imprese Almaviva - Telecom Italia – Agriconsulting ma la seconda classificata ha fatto ricorso al Tar del Lazio, che lo scorso 7 giugno ha ritenuto di disporre una consulenza tecnica d'ufficio, nominare un team di esperti e rinviare al 24 gennaio 2018 la discussione del ricorso.

Come evidenziato nell’interrogazione, “l'estrema complessità della questione comporta un'inevitabile ulteriore dilatazione dei tempi per quanto riguarda la piena entrata in vigore del Sistri, in quanto, in ogni caso (conferma o meno all'associazione temporanea di impresa Almaviva), per il passaggio dal vecchio al nuovo affidatario, sono previsti dal capitolato di gara ben sei mesi dall'affidamento”.

La sottosegretaria Velo ha affermato che “il ministero sarà chiamato ad assicurare la definizione delle più efficaci disposizioni transitorie volte a tutelare l'ambiente e le imprese e sta già valutando di prevedere un opportuno e adeguato periodo di proroga del regime attualmente vigente. In particolare, al fine di consentire al nuovo concessionario del Sistri l'espletamento delle attività oggetto di affidamento e garantire al contempo la prosecuzione del servizio senza soluzione di continuità, si renderebbe necessaria una proroga degli effetti del contratto stipulato con la Società Selex Se-Ma in liquidazione fino alla data del subentro del nuovo concessionario. Infatti, l'estensione della durata del contratto garantirebbe la prosecuzione del sistema SISTRI da parte dell'attuale gestore, nelle more della realizzazione del nuovo sistema di tracciabilità ad opera del nuovo concessionario”