Oggi:

2021-06-21 03:30

Legge europea sul clima: accordo tra Parlamento e Consiglio UE

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Il 21 aprile 2021 i rappresentanti del Parlamento europeo e del Consiglio Ue hanno raggiunto un accordo provvisorio in merito alla legge europea sul clima.

In base a tale accordo, che successivamente dovrà essere approvato formalmente dal Parlamento e dal Consiglio europei, rimangono gli obiettivi stabiliti dalla proposta di regolamento (presentata dalla Commissione europea il 4 marzo 2020 e riscritta nel settembre 2020 a causa della pandemia Covid-19), ossia neutralità climatica dell'UE per il 2050 e un obiettivo collettivo di riduzione delle emissioni nette di gas a effetto serra (emissioni al netto degli assorbimenti) pari ad almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, ma è stato introdotto un limite al contributo degli assorbimenti (agricoltura, foreste, tecnologie) all’obiettivo netto di 225 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, per garantire la priorità alla riduzione delle emissioni piuttosto che alla loro rimozione. I negoziatori hanno inoltre convenuto che la Commissione proporrà, all’occorrenza, un obiettivo climatico intermedio per il 2040.

Accordo anche sull'istituzione di un comitato scientifico consultivo europeo sui cambiamenti climatici costituito da 15 esperti scientifici che avrà il compito, tra l'altro, di fornire consulenza scientifica e riferire in merito alle misure dell'UE, agli obiettivi climatici e ai bilanci indicativi per i gas a effetto serra e alla loro coerenza con la legge europea sul clima e gli impegni internazionali dell'UE nel quadro dell'accordo di Parigi.

I negoziatori hanno inoltre convenuto che la Commissione aiuterà i comparti economici che sceglieranno, su base volontaria, di elaborare tabelle di marcia indicative per il conseguimento dell'obiettivo della neutralità climatica dell'Unione per il 2050.