Oggi:

2022-07-06 20:51

Home

TEE, LA NUOVA GUIDA OPERATIVA

Rosa Filippini

In un paese dove dilagano troppi incentivi, quelli per l’efficienza energetica nei processi produttivi, che sarebbero davvero utili, hanno subito invece un forte declino. Ora si spera che la Nuova Guida operativa per i Certificati Bianchi possa far ripartire i progetti. Purtroppo è già chiaro che non ripartiranno quelli per estendere le reti di teleriscaldamento, sabotati non da una legge o da un indirizzo di governo, ma da... una scheda tecnica di rendicontazione predisposta, con scarsa trasparenza, da una “manina ostile”.

GLI OSSICOMBUSTORI DI GRILLO

Francesco Capone*

L’autore, fra i più attivi animatori di Daje!, il comitato romano pro termovalorizzatore, spiega perchè l’ossicombustione, presentata da Beppe Grillo come la scoperta del secolo, non sia una tecnologia sufficientemente sperimentata ed efficiente, non sia ancora competitiva sul mercato impiantistico e non sia nemmeno una scoperta. Tuttavia, essa presenta un interessante risvolto politico perché costituisce un decisivo passo avanti nella comprensione del ciclo dei rifiuti da parte dei grillini.

MARKETING E GREENWASHING

Carlotta Basili

Gli ultimi anni hanno visto una forte crescita nella domanda dei prodotti “senza”, che hanno ottenuto uno spazio sempre più rilevante sugli scaffali dei supermercati. Dal “senza olio di palma” al “senza conservanti” i consumatori sono attratti da questi claim pensando che la loro scelta tuteli la salute e protegga l’ambiente. Il Centro di ricerca in psicologia dei consumi dell’Università Cattolica di Cremona (EngageMinds HUB) ha effettuato una ricerca per comprendere meglio il fenomeno.

TERMOVALORIZZATORI IN ITALIA

Gruppo Hera

L’esperienza del termovalorizzatore a Ferrara è certamente una delle più significative e originali in Italia perché ha permesso di integrare con successo innovazione tecnologica e risorse naturali. Ci riferiamo all’energia termica dai rifiuti e alla geotermia, le due fonti di alimentazione della rete di teleriscaldamento cittadino che, fra l’altro, consente di più che dimezzare le emissioni di Co2 per chilowattora termico fornito alle abitazioni ferraresi, rispetto ai comuni sistemi di riscaldamento.

ESAMI DI STATO E CAMBIAMENTI CLIMATICI

Francesco Ramella

Fra i temi dell’esame di maturità, quest’anno, gli studenti hanno potuto scegliere di commentare il pensiero del premio Nobel Giorgio Parisi sui cambiamenti climatici. Per l’occasione, e per dare spazio a una riflessione interessante e lontana dai luoghi comuni, ripubblichiamo, dal sito www.lavoce.info, un tema simile svolto dall’autore, research fellow dell'Istituto Bruno Leoni e di IREF, con grande anticipo (ottobre 2021). Ci rimane un dubbio: in questi tempi di conformismo, se fosse stato uno studente, l’avrebbero promosso?

AUTO ELETTRICHE

Giovanni Brussato

La decisione dell’Unione Europea sulla messa al bando delle auto a benzina e gasolio per puntare sulle auto elettriche impone di analizzare se esistano alternative all’attuale modello tecnologico. Alternative che consentano anche all’Europa di “tornare in gioco”, visto che l’attuale catena di approvvigionamento globale delle batterie è saldamente in mano cinese, praticando un modello di transizione energetica sostenibile, concentrata sulla riduzione dell’utilizzo indiscriminato delle risorse non rinnovabili.

PERDITE DI METANO

Ilaria Restifo*e James Turitto**

I nuovi accordi europei di acquisto del gas naturale dovrebbero dare priorità al metano sprecato. Gli autori esaminano il caso Italia – Algeria nell’ambito della campagna contro le emissioni dirette di metano, una campagna condotta in collaborazione con gli Amici della Terra.

TERMOVALORIZZATORI IN ITALIA

Carlotta Basili

Continua il giro turistico de l’Astrolabio presso i termovalorizzatori italiani. Questa volta parliamo del caso di Brescia, una delle prime città italiane a dotarsi di una rete di teleriscaldamento che oggi serve circa il 70% della volumetria cittadina ed è alimentata, in gran parte, dal termoutilizzatore. La scheda è stata ripresa dal sito “Zero Sprechi” degli Amici della Terra sull’economia circolare, dove è inserita nella rassegna di Buone Pratiche nazionali, in quanto esempio virtuoso di chiusura del ciclo dei rifiuti.

EOLICO OFFSHORE

Fabio Modesti

Siete fra quelli che pensano che le richieste di prospezioni petrolifere in Adriatico rappresentino un problema paesaggistico ambientale? Beh, leggete un po’ qui la rassegna, stilata dall’autore, del numero impressionante di impianti industriali per energie rinnovabili (elettriche intermittenti) davanti alle coste adriatiche pugliesi. Un impianto eolico off-shore ogni 40 chilometri. Sarà il caso di rivedere leggi e piani che regolano le installazioni in mare sulla base di una seria valutazione costi/benefici?

ARCHEOLOGIA

James Hansen

Dal periodico online Nota Design riprendiamo il commento sugli interessanti sviluppi degli scavi di Karahan Tepe, la misteriosa città sacra nella Turchia sudorientale.

TERMOVALORIZZATORI IN ITALIA

Media Relations Iren

L’Astrolabio porta i suoi lettori a fare un giro turistico presso i termovalorizzatori italiani, dove il recupero di energia dai rifiuti, il ciclo integrato e, spesso, il teleriscaldamento sono una tranquilla e apprezzata normalità. Anche in Italia, inoltre, ci sono ottimi esempi di architettura industriale. Cominciamo da Torino, grazie alla collaborazione di Iren.

TERMOVALORIZZATORE A ROMA

Patrizia Feletig*

Dalle pagine de www.ilsussidiario.net ripubblichiamo un editoriale che fa il punto sul dibattito sulla proposta del Sindaco Gualtieri di realizzare un termovalorizzatore a Roma. In particolare, il M5s ha deciso di farne una linea del Piave anche in relazione alla maggioranza di governo. Ma le motivazioni addotte contro l’opera non sembrano avere fondamenti solidi.

GESTIONE DEI RIFIUTI

Giulia Alberti di Catenaja, Andrea Ballabio, Donato Berardi, Tatiana Tedeschi, Samir Traini, Nicolò Valle*

Il recupero energetico dai rifiuti, al momento, è il grande assente dalla Tassonomia europea. Un’esclusione sbagliata secondo il gruppo di lavoro di Ref Ricerche. Tuttavia, la guerra in Ucraina, il forte aumento dei costi dell'energia e l'esigenza di indipendenza energetica, impongono una riflessione sull’ulteriore ruolo che il recupero di energia e la produzione di biocarburanti dai rifiuti possono giocare nella transizione. Dal Contributo n.211 del Laboratorio di Ref Ricerche, dedicato alla gestione dei rifiuti nella Tassonomia europea, pubblichiamo lo stralcio “Quale ruolo per le tecnologie di transizione? Il caso del recupero energetico dei rifiuti non riciclabili”.

EOLICO OFFSHORE

Fabio Modesti

La Direzione Generale Ambiente della Commissione UE fa il punto sulle interferenze delle emissioni elettromagnetiche dei cavi sottomarini con la fauna. I disturbi per alcune specie sono rilevanti. È la stessa Commissione UE che spinge per le rinnovabili offshore e dappertutto...

LE MINIERE DELLA TRANSIZIONE

Giovanni Brussato

Nella nuova tempesta sui mercati internazionali provocata dalle forniture di cobalto, ancora indispensabile alle batterie delle auto elettriche, noi tifiamo – con tutte le prudenze del caso - per il nuovo governo congolese, che sta cercando di rinegoziare le concessioni delle miniere da cui provengono tre quarti del minerale disponibile nel mondo.