Oggi:

2021-05-09 03:54

Economia circolare: pubblicato il Rapporto 2021 del Circular Economy Network e Enea

QUEL CHE C'È DA SAPERE

È stato presentato il 23 marzo scorso il Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2021, giunto alla sua terza edizione, realizzato dal CEN (Circular Economy Network: la rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile assieme a un gruppo di aziende e associazioni di impresa) in collaborazione con Enea.

Il rapporto analizza i risultati raggiunti dalle cinque principali economie dell’Unione europea (Germania, Francia, Italia, Spagna e la Polonia, che con l’uscita del Regno Unito dall’UE risulta la 5° economia) nei settori della produzione, del consumo, della gestione circolare dei rifiuti, degli investimenti e dell’occupazione nel riciclo, nella riparazione, nel riutilizzo. Sommando i punteggi, l'Italia conferma la prima posizione (per il terzo anno consecutivo) con 79 punti, seguita dalla Francia con 68, dalla Germania e dalla Spagna con 65 e dalla Polonia con 54. Il primato italiano è però a rischio, infatti nonostante gli alti punteggi non si sono registrati cambiamenti significativi, mentre le altre economie europee stanno crescendo e migliorando sensibilmente la loro circolarità.

Il rapporto di quest’anno presenta anche un focus riguardante il contributo che l’economia circolare potrebbe dare al raggiungimento degli obiettivi di neutralità climatica. Infatti, secondo il Circularity Gap Report 2021, pubblicato a inizio anno dalla “Platform for Accelerating the Circular Economy” se si raddoppiasse l’attuale tasso di circolarità dall’8,6% (dato 2019) al 17%, si potrebbero ridurre i consumi di materia dalle attuali 100 a 79 gigatonnellate e tagliare le emissioni globali di gas serra del 39% l’anno.