Oggi:

2021-05-15 07:36

Approvata definitivamente la creazione di una riserva stabilizzatrice del sistema ETS dell’Ue

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Il 18 settembre, dopo l’accordo raggiunto in maggio tra Commissione Ue e Parlamento europeo, il Consiglio dei ministri dell’Ambiente dell’Unione europea ha approvato la creazione di una riserva stabilizzatrice del mercato relativa al sistema per lo scambio di quote di emissione dei gas a effetto serra dell'Ue (Emission Trading System - ETS), che mira a correggere gli squilibri strutturali tra domanda e offerta nell'EU ETS. Con la riserva stabilizzatrice, nel caso in cui in un dato anno il numero totale di quote di emissione superi una determinata soglia, una percentuale di quote è ritirata automaticamente dal mercato ed è integrata nella riserva. Nel caso contrario, le quote contenute nella riserva sono reimmesse sul mercato.

Il Consiglio Ue ricorda che la proposta di costituire una riserva stabilizzatrice del mercato è stata presentata dopo che, nel 2013, il sistema ETS ha registrato una considerevole eccedenza di quote, di cui si prevedeva un ulteriore aumento negli anni successivi. L'eccedenza è stata il risultato degli squilibri tra offerta e domanda di quote di emissione, in quanto la domanda è flessibile ed è soggetta, ad esempio, all'andamento dei cicli economici.La presenza di un'eccedenza ingente, afferma il Consiglio Ue,“riduce i prezzi delle quote e nel contempo gliincentivi a investire nelle tecnologie a basse emissioni di CO2. Se non si fosse cercato di correggere gli attuali squilibri del mercato, questi avrebbero inciso sulla futura capacità dell'EU ETS di conseguire i propri obiettivi in modo efficace in termini di costi”. Il nuovo meccanismo sarà operativo dal gennaio 2019.