Oggi:

2021-06-21 02:01

Quod Tu Es, Ego Fui. Quod Nunc Sum, Tu Eris

IL PRIMA E IL DOPO DEI CRINALI CON L’EOLICO

di: 
Alberto Cuppini

Noi fummo come voi siete, voi sarete come noi siamo. Il memento mori urlato dallo straziato paesaggio dell’Irpinia orientale, nell’altopiano del Formicoso, è rivolto ai viandanti di tutto l'Appennino, su cui incombe la stessa iniqua, assurda, inevitabile condanna all'impalamento eolico. Dalla Rete di Resistenza dei Crinali, riprendiamo un articolo che, grazie a due straordinari filmati, ci consente un utile esercizio di confronto e un’amara riflessione sulla sorte del Mugello, che potrebbe essere la prossima vittima designata.

Foto di copertina: Panoramica della Colla di Villore - Mugello di Gioconda Cicirello

"Basta coi no e le lungaggini", "fate presto", "dobbiamo salvare il Pianeta!". È questo il senso più profondo (...) dell'incombente decreto ministeriale concepito dal neonato ministero della "Transizione ecologica", affidato a Roberto Cingolani, che in pochi anni, per potere usufruire dei fondi (presi a prestito!) messi a disposizione dall'Ue, ricoprirà i crinali italiani di pale eoliche come già avvenuto sull'Appennino tra Foggia, Avellino e Benevento.

Ciò grazie ai recenti orientamenti governativi, ispirati al peggior ambientalismo catastrofista, che si sono concretizzati nella bozza di decreto "Semplificazioni ambientali" inviata due settimane fa dal ministro della "Transizione ecologica" a Palazzo Chigi per una rapidissima approvazione.

Il Mugello sarà la prima vittima. Nel filmato qui sopra potete vedere dall'alto il tratto del crinale spartiacque, lungo cinque chilometri, su cui si vogliono collocare le otto pale eoliche dell'Agsm Verona (Verona? Che c'entra Verona col Mugello? In provincia di Verona non ci sono forse crinali dove la locale municipalizzata può far quattrini con gli "incentivi" pubblici?). Aerogeneratori, per intenderci, alti complessivamente quasi 170 metri, secondo il famigerato progetto, il cui iter continua a procedere nonostante tutte le evidenze contrarie, che il filmato lascia intuire. Questo progetto, come candidamente ammesso dal proponente, sarà l'apripista del mutamento della sorte dei crinali mugellani, destinati a diventare un'area industriale priva di operai.

Video realizzato da Fabio Innocenti di Vicchio.

Invito a guardare prima questo video - a giusta ragione realizzato privo di commenti in voce del tutto superflui - che mostra dall'alto come appare adesso il crinale interessato dagli appetiti dell'Agsm Verona.

Poi a guardare, qui sotto, l'altro breve video dell'Irpinia orientale (l'altopiano del Formicoso) ed infine a fare due più due, per rendersi conto di che cosa diventerà il Mugello dopo il passaggio delle ruspe e delle betoniere di questi "salvatori del Pianeta" e dei loro troppi fiancheggiatori. E, dopo il Mugello, che cosa diventerà l'Italia intera.

Il filmato di Daniela Cipollaro inizia guardando in direzione di Sant’Agata di Puglia.

Noi però ci attendiamo che vengano sollevate da Draghi delle obiezioni ispirate al puro buon senso, prima ancora del richiamo ai principi costituzionali. Sperando di fare cosa gradita e di contribuire ad una corretta valutazione della posta in gioco, mettiamo questi filmati a disposizione del capo dell'Esecutivo, su cui incombe una responsabilità storica - il millenario paesaggio italiano che tutto il mondo ci invidia - ben maggiore di quella dello sfruttamento insensato e predatorio delle risorse del Recovery fund a sostegno delle pale eoliche.