Oggi:

2021-06-21 02:14

Pubblicati i rapporti ISPRA sulle emissioni di gas serra e di altri inquinanti

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Il 15 aprile scorso ISPRA ha pubblicato il National Inventory Report 2021 e l'Informative Inventory report 2021, i rapporti che forniscono la descrizione dello stato emissivo nazionale, disegnando il quadro globale e di dettaglio della situazione italiana sull’andamento dei gas serra dal 1990 al 2019 e forniscono inoltre un focus sulle emissioni provenienti dai trasporti su strada.

Dai dati emerge che nel 2019 le emissioni di gas serra in Italia sono diminuite del 19,4% rispetto al 1990, passando da 518,72 a 418,28 milioni di tonnellate di CO2 equivalente e del 2,4% rispetto al 2018.  

I settori della produzione di energia e dei trasporti restano responsabili di circa la metà delle emissioni nazionali di gas climalteranti. Il complesso dei trasporti, che mostra un aumento del 3,2% rispetto al 1990, riflette il trend osservato nel consumo di combustibile per il trasporto su strada e che, nel periodo di riferimento, registra un aumento delle percorrenze complessive (veicoli-km) di circa il 22%.

Importante la diminuzione delle emissioni provenienti dal settore delle industrie energetiche che, sempre rispetto al 1990, scendono del 33% nel 2019, a fronte di un aumento della produzione di energia termoelettrica da 178,6 Terawattora (TWh) a 195,7 TWh, e dei consumi di energia elettrica da 218,7 TWh a 301,8 TWh.

Sulla base dei dati disponibili per il 2020, a causa delle restrizioni alla mobilità dovute al COVID-19 su tutto il territorio nazionale, ci si attende una consistente riduzione delle emissioni di gas serra a livello nazionale, previste inferiori del 9,8% rispetto al 2019 a fronte di una riduzione prevista del PIL pari all’8.9%.