Oggi:

2020-08-05 13:23

Varato il primo programma su Smart City, tecnologie digitali ed efficientamento energetico: 65 milioni per progetti innovativi pubblico-privati

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, ha avviato il primo programma per le città intelligenti, firmando un Atto di indirizzo sulle Smart City, che prevede un impegno finanziario di 65 milioni di euro, destinati a progetti innovativi pubblico-privati su due specifiche misure: la prima finalizzata all’efficientamento dei servizi e delle infrastrutture energetiche in ottica di Smart Grid nelle aree urbane; l’altra all’attivazione di appalti pre-commerciali di grandi dimensioni in risposta ai fabbisogni più innovativi espressi dalle amministrazioni.

Dopo la firma dell’Atto d’indirizzo, il ministero avvierà una consultazione con gli operatori privati nei settori IT, Energia e TLC, finalizzata alla realizzazione condivisa delle Linee guida per i progetti. Secondo il sottosegretario Antonio Gentile, “le Smart City rappresentano un contesto particolarmente favorevole alla sperimentazione di misure in grado di generare crescita con occupazione, perché è in esse che le tecnologie digitali possono incrociarsi con infrastrutture innovative, nuovi servizi e migliori sistemi di efficientamento energetico”.