Oggi:

2020-08-11 18:10

Intesa Stato-Regioni, in arrivo il decreto sul nuovo Conto termico

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Il 20 gennaio, la Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto l’intesa sullo schema di decreto del ministro dello Sviluppo economico “Aggiornamento del sistema di incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni”, che rappresenta il nuovo Conto termico, rimasto poco utilizzato soprattutto a causa delle complessità burocratiche.

In base alla legge “Sblocca Italia”, il decreto avrebbe dovuto essere adottato entro il 31 dicembre 2014 e il suo testo è stato oggetto di una lunga trattativa tra Stato, Regioni ed enti locali, in particolare sulle modalità di finanziamento degli interventi che verranno proposti dalle amministrazioni pubbliche.

La versione finale, su cui si è trovata l’intesa, aggiunge tre tipologie di interventi: trasformazione in “edifici a energia quasi zero” (Nzeb); sostituzione dei sistemi per l'illuminazione con dispositivi efficienti; installazione di tecnologie di gestione e controllo degli impianti termici ed elettrici degli edifici, inclusi sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore. Tra i beneficiari vengono incluse anche le cooperative sociali e le società di patrimonio pubblico.

Il contributo sale al 50% per le opere di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e al 55% se accompagnato dall'installazione di nuovi impianti di climatizzazione; arriva al 65% per la trasformazione in edifici Nzeb e la sostituzione dei sistemi illuminanti. I privati avranno la possibilità di consultare sul sito del Gse (Gestore dei servizi energetici) un catalogo di prodotti, ad uso domestico, con requisiti tecnici idonei all'incentivazione, con la possibilità di selezionarli direttamente.