Oggi:

2024-07-19 01:17

Ecodesign per apparecchi di riscaldamento: il Regolamento in GUUE

QUEL CHE C'È DA SAPERE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale europea Serie L del 19 aprile il Regolamento 2024/1103 recante modalità di esecuzione della Direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in merito alle specifiche di progettazione ecocompatibile degli apparecchi per il riscaldamento d’ambiente locale e dei dispositivi di controllo separati.

Il Regolamento riguarda l’ecodesign di prodotti per il riscaldamento domestico aventi potenza termica nominale pari o inferiore a 50 kW, di quelli per uso commerciale aventi potenza termica nominale del prodotto o di un segmento individuale di tubo radiante pari o inferiore a 300 kW per uso commerciale (come stufe a gas, riscaldatori elettrici a pavimento, radiatori elettrici e portasciugamani) e dei dispositivi di controllo separati.

Rispetto al precedente (Regolamento 2015/1188), Il nuovo Regolamento chiarisce e amplia l’ambito di applicazione, includendo gli apparecchi per il riscaldamento d’ambiente locale immessi sul mercato senza un dispositivo di controllo della temperatura, compresi cavi e tappetini riscaldanti a regolazione automatica.

Le nuove norme, che si applicheranno a decorrere dal 1°luglio 2025 (ad eccezione dei divieti previsti all’art. 6 per i fabbricanti, gli importatori o i mandatari che si applicano dal 09/05/2024), introducono inoltre livelli massimi di consumo energetico per le modalità a basso consumo (spento o standby) e prevedono nuove disposizioni a favore dei consumatori che promuovono l’economia circolare attraverso l’obbligo per i produttori di rendere disponibili ricambi e informazioni.

La Commissione europea stima che, dall’applicazione al 2040, il Regolamento permetterà complessivamente di risparmiare 56 TWh di energia, evitando l’emissione di 6,6 milioni di tonnellate di CO2 e permettendo un risparmio ai consumatori di 7,9 miliardi di euro sulle bollette.