Oggi:

2020-10-31 20:06

Cattura e stoccaggio della CO2 nei porti belgi e olandesi, via libera al finanziamento Ue

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Gli Stati dell'Ue hanno raggiunto un accordo sulla proposta della Commissione di investire 998 milioni di euro in alcuni progetti per le infrastrutture energetiche europee. Il finanziamento più consistente (720 milioni) va al progetto per la sincronizzazione degli Stati baltici, finalizzato a migliorare l'integrazione dei mercati dell'energia elettrica di Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia.

102 milioni di euro andranno a finanziare, per la prima volta, un progetto di trasporto della CO2 nei porti belgi e olandesi. Si tratta del progetto Porthos, che si svilupperà in tre dei principali porti europei (Rotterdam, Anversa e il polo portuale di North Sea Port). La CO2 che sarà trasportata e immagazzinata da Porthos, verrà catturata da varie società. Le società forniranno la loro CO2 a un gasdotto collettivo che attraversa l'area portuale di Rotterdam. La CO2 verrà quindi pressurizzata in una stazione di compressione.

La CO2  sarà trasportata attraverso un gasdotto offshore fino a una piattaforma nel Mare del Nord, a circa 20 km dalla costa. Da questa piattaforma, la CO2 verrà pompata in un giacimento di gas vuoto. I giacimenti di gas vuoti sono situati in un serbatoio sigillato di arenaria porosa, a più di 3 km sotto il Mare del Nord.

Si prevede che, nei suoi primi anni, il progetto sarà in grado di immagazzinare circa 2,5 milioni di tonnellate di CO2 all'anno.