Oggi:

2020-10-31 20:23

Anche la cogenerazione non ad alto rendimento può godere di agevolazioni nazionali. Sentenza della Corte di giustizia europea

QUEL CHE C'È DA SAPERE

L'articolo 12, paragrafo 3, della direttiva 2004/8 sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia “deve essere interpretato nel senso che esso non osta ad una normativa nazionale, la quale permetta ad impianti di cogenerazione che non presentano la caratteristica di essere impianti ad alto rendimento, ai sensi di tale direttiva, di continuare a beneficiare, anche dopo il 31 dicembre 2010, di un regime di sostegno alla cogenerazione, in virtù del quale detti impianti siano così, segnatamente, esentati dall'obbligo di acquistare certificati verdi”.

È quanto ha stabilito una sentenza della Corte di Giustizia europea, che era stata chiamata a pronunciarsi dal Consiglio di Stato nell’ambito di una controversia che opponeva la cartiera Burgo al Gse (Gestore servizi energetici) in merito al rifiuto del Gse di concedere a Burgo Group il beneficio di un regime di sostegno che prevede l'esenzione dall'acquisto di certificati verdi.