Oggi:

2020-10-31 21:21

Riciclaggio della plastica da imballaggio: la Corte dei conti Ue segnala rischi e carenze

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Una relazione della Corte dei conti europea avverte che gli obiettivi fissati dalla Ue nel 2018 per il riciclo dei rifiuti da imballaggio di plastica per il 2025 (50%) e per il 2030 (55%) rischiano di non essere raggiunti per vari motivi.

Anzi, evidenzia la Corte, i “nuovi obblighi di comunicazione più rigorosi provocheranno probabilmente un calo del tasso medio di riciclaggio degli imballaggi di plastica comunicato nell’Ue. Fonti del settore stimano che il dato potrebbe scendere dal 41% al 32-29%”.

Gli imballaggi (per esempio vasetti di yogurt, bottiglie d’acqua, imballaggi protettivi per la frutta) rappresentano l’impiego più diffuso della plastica nell’Ue e costituiscono circa il 40 % della produzione di plastica, nonchè il 61 % del totale dei rifiuti di plastica generati.

Gli imballaggi di plastica, inoltre, sono il tipo di imballaggio con il più basso tasso di riciclaggio comunicato nell’Ue (42 %) rispetto ad altri materiali. Per gli imballaggi di metallo (76 %), carta e cartone (83 %) e vetro (73 %) sono stati comunicati tassi di riciclaggio notevolmente superiori.

Tra i problemi segnalati dalla Corte vi è il ricorso a regimi di responsabilità estesa del produttore per gli imballaggi, che nell’Ue sono molto diffusi ma sui quali c’è una notevole carenza di dati, vi sono difficoltà metodologiche per distinguere gli impatti dei regimi di responsabilità estesa del produttore da altri fattori e ci sono sensibili differenze tra i sistemi utilizzati dai vari paesi. Tutti fattori che hanno impedito all’Ocse di valutare adeguatamente l’impatto di questi regimi di responsabilità.

La Corte osserva che i regimi di responsabilità estesa del produttore incoraggiano la produzione di imballaggi più leggeri, ma non la riciclabilità. Infatti, la maggior parte dei regimi di responsabilità estesa impone ai membri di versare contributi in funzione del peso degli imballaggi di plastica che essi immettono sul mercato. Ciò incoraggia i produttori a ridurre il peso degli imballaggi di plastica, al fine di ridurre i costi, ma in alcuni casi gli imballaggi più leggeri possono risultare meno riciclabili a causa della loro struttura multistrato, che utilizza plastiche differenti per ottenere le stesse proprietà di un imballaggio monomateriale più spesso.