Oggi:

2020-09-28 17:44

Rapporto dell'Aea su ambiente e salute nell’Ue

QUEL CHE C'È DA SAPERE

L’inquinamento atmosferico rimane il principale fattore ambientale che minaccia la salute, con oltre 400.000 morti premature ogni anno nell'Ue. L'inquinamento acustico è al secondo posto, con 12.000 morti premature. Seguono gli impatti dei cambiamenti climatici, in particolare le ondate di calore. C’è una netta differenza tra le percentuali di morti premature tra i paesi dell’Europa occidentale e di quella orientale. La percentuale più alta di morti attribuibili all’ambiente si registra in Bosnia ed Erzegovina con il 27%, la più bassa in Islanda e Norvegia con il 9%.

Le comunità più povere sono spesso esposte a livelli più elevati di inquinamento e rumore e ad alte temperature, mentre le condizioni di salute preesistenti aumentano la vulnerabilità ai rischi ambientali per la salute.

Lo rileva uno studio dell’Agenza europea dell’ambiente (Aea), intitolato Healthy environment, healthy lives: how the environment influences health and well-being in Europe e basato su dati dell’Organizzazione mondiale della sanità.