Oggi:

2020-05-25 07:09

Rapporto annuale sulla raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici. Puglia, Sicilia e Campania in coda

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Il Centro di coordinamento RAEE ha pubblicato il Rapporto annuale 2019 sul ritiro e trattamento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche in Italia, da cui risulta che lo scorso anno i Sistemi collettivi hanno gestito ritiri da oltre 5.000 luoghi di raccolta e avviato a trattamento 343.069 tonnellate di RAEE, un risultato in crescita del 10,45% rispetto al 2018 e che corrisponde a una raccolta pro capite di 5,68 kg.

Sul totale dei RAEE raccolti, suddivisi in cinque tipologie a seconda delle diverse esigenze di trattamento e riciclo, la percentuale più consistente è rappresentata dai grandi bianchi (R2), seguiti da freddo e dal clima (R1) e da piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e pannelli fotovoltaici (R4). In calo, atteso e fisiologico, il peso di tv e monitor (R3). Ultimo posto per le sorgenti luminose (R5), per le quali la raccolta volontaria da parte di alcuni Sistemi collettivi ha contribuito a incrementare la raccolta del 35% portandola a 2.796 tonnellate.

Come per tutti i tipi di raccolta e trattamento dei rifiuti, anche nel caso dei RAEE i dati sulla raccolta forniscono un quadro con forti difformità tra le varie regioni. Le più virtuose sono quelle del Nord, dove nel 2019 sono stati avviati a corretto trattamento oltre 186.000 tonnellate di rifiuti elettrici, pari al 54,27% del totale nazionale. In testa è la Valle d’Aosta, con la maggiore raccolta pro capite d’Italia (10,30 kg/ab). Centro, Sud e isole si spartiscono il resto della raccolta, rispettivamente con il 23,18% e il 22,55%.

In Italia Centrale, è la Toscana la regione con la più alta raccolta pro capite (10,30 kg/ab), mentre nel Meridione e nelle isole al primo posto si posiziona la Sardegna con 8,43 kg/ab. Maglia nera in termini di raccolta pro capite per Puglia, Sicilia e Campania, che anche nel 2019 occupano le ultime tre posizioni della classifica nazionale: con 3,52 kg/ab la Puglia è terzultima, seguita al penultimo posto dalla Sicilia con 3,47 kg/ab. Ultimo posto, ancora una volta, per la Campania con soli 3,24 kg/ab.

Sul territorio nazionale i centri di raccolta comunali di RAEE sono 4.367.