Oggi:

2020-08-12 01:09

Gentiloni: Carbon Tax alle frontiere e nuova tassazione sull’energia anche senza unanimità

QUEL CHE C'È DA SAPERE

Rivedere la tassazione sull’energia e istituire una carbon tax alle frontiere, anche con solo la maggioranza qualificata degli Stati, senza necessità di unanimità. È questo l’impegno, che dovrebbe concretizzarsi l’anno prossimo, annunciato dal commissario europeo all’economia Paolo Gentiloni in un intervento all’European Policy Centre.

“Alcuni dei carburanti più inquinanti sono i meno tassati. Ecco perché una delle mie massime priorità è quella di rivedere la direttiva sulla tassazione dell’energia e di allinearla alle nostre ambizioni climatiche”, ha detto Gentiloni. “Dobbiamo rimuovere i sussidi impliciti per i combustibili fossili, insieme alle esenzioni fiscali per le industrie aeronautiche e marittime – che sono completamente fuori sincrono con la nostra agenda verde”.

Parlando del Green Deal europeo, Gentiloni ha affermato che “dobbiamo garantire che i nostri sforzi non vengano compromessi da partner internazionali meno ambiziosi. L'Europa è orgogliosa di aprire la strada alla rivoluzione verde e spera che il nostro esempio possa essere seguito da altri attori internazionali. Ma le nostre imprese e i nostri lavoratori non dovrebbero pagare il prezzo se altri paesi sono in ritardo.

Pertanto, questa Commissione lavorerà per sviluppare un meccanismo di aggiustamento del carbonio alle frontiere, per affrontare il rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio. Daremo un prezzo al carbonio sulle importazioni, per impedire ai processi inquinanti di spostarsi altrove e impedire che i prodotti inquinanti inondino il nostro mercato.

È troppo presto per definire con precisione la forma di questo meccanismo. Dobbiamo valutare attentamente tutte le opzioni, anche dal punto di vista dell'Organizzazione mondiale del commercio. Tuttavia, questo lavoro è già in corso.

Proprio ieri abbiamo lanciato le valutazioni di impatto sia sulla revisione della direttiva sulla tassazione dell'energia che sul meccanismo di adeguamento delle frontiere del carbonio. Presenteremo le nostre proposte l'anno prossimo.

Per realizzare questa ambiziosa agenda, l'Ue deve essere in grado di agire con decisione. Questo è il motivo per cui, in particolare nel contesto delle proposte del Green Deal, sono pronto a utilizzare le disposizioni dei trattati dell'Ue che consentono l'adozione della legislazione nel settore fiscale a maggioranza qualificata anziché all'unanimità”.

Come detto da Gentiloni, la Commissione europea ha avviato ufficialmente i lavori sulle due proposte con la pubblicazione delle valutazioni d'impatto iniziali sul futuro meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere e sulla revisione della direttiva sulla tassazione dell'energia