Oggi:

2020-08-03 11:48

Christine Lagarde: “La Bce attenta all’impatto finanziario del cambiamento climatico”

QUEL CHE C'È DA SAPERE

“Le banche centrali devono dedicare maggiore attenzione alla comprensione dell'impatto del cambiamento climatico, comprese le sue implicazioni per la dinamica dell'inflazione. Alla Bce, la revisione in corso della nostra strategia di politica monetaria offre l'opportunità di riflettere su come affrontare le considerazioni di sostenibilità all'interno del nostro quadro di politica monetaria.” Lo ha affermato la presidente della Bce Christine Lagarde il 27 febbraio, aprendo a Londra i lavori della Private Finance Agenda in vista della Cop26, che si terrà a Glasgow il prossimo novembre.

Il riscaldamento globale aumenta le probabilità di condizioni metereologiche estreme, ha detto la presidente della Bce, e quindi “è probabile che le perdite assicurative ed economiche causate da eventi legati al clima inizino un trend al rialzo in percentuale del Pil. Le compagnie di assicurazione e di riassicurazione devono continuare a garantire che la tariffazione del rischio rimanga adeguata e che le riserve siano adeguate a coprire le perdite previste.

Le banche devono anche considerare i rischi che tali eventi creano per le loro esposizioni creditizie. Le perdite possono derivare sia dal danno diretto sia dagli effetti che i costi di manutenzione, l'interruzione e la minore produttività del lavoro potenzialmente più elevati potrebbero avere sulla redditività e quindi sul rischio di insolvenza”.

Secondo Lagarde, una fonte di rischio per il settore finanziario “deriva dal percorso intrapreso verso un mondo a emissioni zero. Il raggiungimento della transizione richiede quasi certamente l'intervento delle autorità pubbliche attraverso la regolamentazione e la tassazione. Un'azione tempestiva e coordinata può aiutare a realizzare una transizione graduale per l'economia.

Ma se tale intervento viene ritardato, la riduzione delle emissioni potrebbe dover essere più acuta, determinando una transizione disordinata, sconnessa e più dirompente per l'economia. Alcune attività economiche possono rapidamente essere rese obsolete, portando a una rivalutazione delle attività e al rischio che alcune si arenino.

È quindi fondamentale che gli istituti finanziari comprendano i rischi nei loro bilanci. Una maggiore divulgazione da parte delle società sulla loro esposizione al clima è un prerequisito, rafforzando la capacità degli operatori del mercato e degli istituti finanziari di effettuare un'adeguata valutazione del rischio”.

La presidente della Bce ha spiegato che “l'Eurosistema sta ora esaminando la misura in cui i rischi legati al clima sono compresi e valutati dal mercato e sta prestando molta attenzione al modo in cui le agenzie di rating del credito incorporano tali rischi nelle loro valutazioni di affidabilità creditizia. Continueremo a valutare le implicazioni per la nostra gestione del rischio, in particolare attraverso il nostro quadro di garanzie. La vigilanza bancaria della Bce sta valutando gli approcci delle banche ai rischi climatici e sta sviluppando le attività di vigilanza su tali rischi.

Sono inoltre in corso lavori preparatori per uno stress test macroprudenziale per valutare i rischi legati al clima, con i primi risultati previsti entro la fine dell'anno. Il quadro dello stress test mira a valutare come i rischi legati al clima si propagano attraverso l'economia reale e il sistema finanziario”.