Oggi:

2019-09-16 06:26

In vigore il decreto per i nuovi incentivi alle fonti rinnovabili

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Sulla Gazzetta Ufficiale del 9 agosto è stato pubblicato il Decreto del ministero dello Sviluppo economico 4 luglio 2019 (cosiddetto Fer1), che prevede nuovi incentivi per le fonti rinnovabili, per un totale di 8.000 MW. Il Decreto è entrato in vigore il 10 agosto e il Il 23 agosto il Gestore servizi energetici (Gse) ha pubblicato sul proprio sito il Regolamento operativo per l’scrizione ai Registri e alle Aste.

Il nuovo decreto prevede l'accesso agli incentivi, previa procedure di gara, per quattro gruppi differenti di impianti.

Nel Gruppo A ci sono gli impianti eolici on-shore di nuova costruzione, integrale ricostruzione, riattivazione o potenziamento, oltre agli impianti fotovoltaici di nuova costruzione.

Nel Gruppo A-2 sono previsti incentivi per gli impianti fotovoltaici di nuova costruzione, i cui moduli sono installati su coperture di edifici e fabbricati rurali, in sostituzione di eternit o amianto.

Nel Gruppo B sono ricompresi gli impianti idroelettrici di nuova costruzione, integrale ricostruzione (esclusi gli impianti su acquedotto), riattivazione o potenziamento. Oltre a questi, anche gli impianti a gas residuati dei processi di depurazione di nuova costruzione, riattivazione o potenziamento.

Nel Gruppo C il decreto prevede incentivi per il rifacimento totale o parziale di impianti eolici on-shore, idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione.

A seconda della potenza dell'impianto, il decreto prevede due differenti modalità di assegnazione degli 8.000 MW disponibili: iscrizione ai Registri per impianti di potenza inferiore a 1 MW (e superiore a 20 kW per i fotovoltaici) e partecipazione a Procedure d'Asta al ribasso sulla tariffa incentivante, per impianti di potenza superiore o uguale a 1 MW.

Il decreto prevede sette bandi per la partecipazione ai Registri e alle Aste. L’apertura del primo bando avverrà il 30 settembre.