Oggi:

2019-10-18 10:38

Efficienza energetica, lettera di costituzione in mora a 15 Paesi, Italia compresa

QUEL CHE C’È DA SAPERE

La Commissione europea ha inviato una lettera di costituzione in mora all’Italia e ad altri quattordici paesi, chiedendo formalmente il corretto recepimento nel diritto nazionale della direttiva sull'efficienza energetica 2012/27/UE. La direttiva del 2012 stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell'efficienza energetica nell'Ue al fine di garantire il conseguimento dell'obiettivo dell'Unione relativo all'efficienza energetica del 20% entro il 2020 e di gettare le basi per ulteriori miglioramenti dell'efficienza energetica oltre tale data. A norma della direttiva, tutti i paesi dell'Ue sono tenuti a utilizzare l'energia in modo più efficiente in tutte le fasi della catena energetica, dalla produzione al consumo finale.

La lettera di costituzione in mora è stata invitata anche a Belgio, Bulgaria, Cechia, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Grecia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Polonia e Portogallo. Gli Stati hanno ora due mesi per rispondere alle contestazioni formulate dalla Commissione europea. In caso contrario, la Commissione potrà decidere di inviare un parere motivato.