Oggi:

2018-12-15 08:40

Energia e ambiente nel disegno di legge di bilancio 2019

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Il disegno di legge di bilancio 2019, all’esame della Camera, contiene alcune disposizioni in materia di energia e ambiente, illustrate in dettaglio in un dossier degli Uffici studi di Montecitorio e Palazzo Madama.

Si interviene sulla disciplina delle detrazioni per le spese relative ad interventi di efficienza energetica, ristrutturazione edilizia e misure antisismiche. Si dispone la proroga al 31 dicembre 2019 del termine previsto per avvalersi della detrazione d'imposta nella misura del 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici (ecobonus) e per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro (articolo 11).

Viene inoltre estesa al 2019 la detrazione prevista al 50% per le spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, per altri interventi di ristrutturazione edilizia fino ad una spesa massima di 96.000 euro e per l'acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.

Infine, si prevede la proroga, limitatamente all’anno 2019, della detrazione del 36% dall’Irpef delle spese sostenute (nel limite massimo di 5.000 euro) per interventi di “sistemazione a verde” di aree scoperte di immobili privati a uso abitativo, pertinenze o recinzioni (articolo 12).

L’articolo 28, comma 6, autorizza l’assunzione a tempo indeterminato, per il triennio 2019-2021, presso il ministero dell’Ambiente, di 420 unità di personale (di cui 20 di livello dirigenziale) anche in sovrannumero (con assorbimento in relazione alle cessazioni del personale di ruolo) e in deroga alla normativa vigente e senza il previo esperimento delle procedure in materia di mobilità ordinaria e collettiva.

Conseguentemente, si dispone la progressiva riduzione delle vigenti convenzioni del ministero riguardanti attività di assistenza e di supporto tecnico-specialistico ed operativo in materia ambientale. Gli oneri corrispondenti sono quantificati nel limite massimo di spesa di 4,1 milioni di euro per il 2019, 14,9 milioni per il 2020 e 19,1 milioni dal 2021, nonché in ulteriori 800.000 euro, per il 2019, per lo svolgimento delle procedure concorsuali.

Come misura di riduzione della spesa, si prevede la soppressione dell'autorizzazione di spesa relativa all'onere per l'affitto del termovalorizzatore di Acerra, pari a 30 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2010 per quindici anni (con contestuale soppressione del contributo dello Stato alla Regione Campania per l'acquisto del termovalorizzatore di Acerra) (articolo 59, comma 3). Viene inoltre incrementato di 20,2 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2024 il Fondo per la realizzazione degli interventi ambientali individuati dal Comitato interministeriale per gli interventi di prevenzione del danno ambientale e dell'illecito ambientale ed il monitoraggio del territorio della regione Campania (cap. 7515 - fondo per interventi di bonifica e messa in sicurezza dei siti di interesse nazionale per provvedere al corretto adempimento di obblighi europei), con un ulteriore incremento del medesimo Fondo nell’anno 2019 con le risorse disponibili, iscritte nell’esercizio finanziario 2018 nello stato di previsione del ministero dell’Ambiente in relazione al canone di affitto del termovalorizzatore di Acerra (articolo 59, commi 4 e 5).

Rispetto alla legge di bilancio 2018, il disegno di legge di bilancio 2019- 2021 espone complessivamente per il ministero dell’Ambiente, nel triennio di riferimento, un andamento decrescente della spesa, con una diminuzione del 4,5% delle spese finali del ministero per il 2019 rispetto al 2018, attribuibile per lo più alla riduzione che si registra nelle spese in conto capitale.