Oggi:

2018-01-22 09:04

Italia prima in Europa per gli oneri Fer in bolletta

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Con il 22%, nell’ultimo bimestre del 2016 l’Italia è stata il paese dell’Ue+Norvegia con il peso maggiore in bolletta per il sostegno alle fonti elettriche rinnovabili (Fer). Seguono a un punto percentuale di distanza Germania, Norvegia e Slovacchia, mentre in coda alla classifica si situa la Polonia con lo 0,4%.

Per quanto riguarda i prezzi elettrici ai consumatori domestici, l’Italia è al sesto posto, dopo Danimarca, Germania, Portogallo, Belgio e Spagna.

L’Italia, con il 19%, è invece tra gli ultimi paesi per quanto riguarda gli oneri di trasmissione e distribuzione, seguita solo da Malta (17%) e Grecia (16%). In testa si trovano Norvegia (48%), Lussemburgo (43%) e Danimarca (38%).

Tra il 2008 e il 2016, i prezzi elettrici in bolletta nell’Ue+Norvegia sono cresciuti in media del 26,4% per gli utenti domestici e del 5,8% per quelli industriali; nonostante un’inversione di trend nel 2016, con un calo sul 2015 del 2,1% per i domestici e del 7,1% per gli industriali.

Infine, per quanto riguarda la componente energia delle bollette elettriche, con il 38% l’Italia si pone a metà strada tra il massimo di Malta (78%) e il minimo della Danimarca (13%).

E' quanto emerge dal rapporto di monitoraggio dei mercati al dettaglio dell'energia di Acer e Ceer, che riuniscono i regolatori energetici europei.