Oggi:

2018-01-20 22:16

Rapporto dei regolatori energetici europei sugli incentivi alle FER

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Il Consiglio dei Regolatori Energetici Europei (CEER) ha pubblicato lo Status Review of Renewables Support Scheme in Europe, in cui illustra quanti incentivi vengono dati complessivamente nell’Ue e nei vari paesi alle fonti elettriche rinnovabili (FER), a quali tecnologie, e quali strumenti di sostegno vengono utilizzati. Nel presentare il rapporto, riferito ai dati del 2015, i regolatori sottolineano che le FER apportano vantaggi ma costituiscono anche un costo per i consumatori. I meccanismi di sostegno, dove necessari, dovrebbero essere strutturati affinché siano efficienti, le FER dovrebbero integrarsi maggiormente nel mercato e non avere più la priorità di dispacciamento, fatte salve alcune eccezioni.

Il supporto medio alle FER nei 28 paesi considerati è di 110,22 €/MWh e l’Italia si piazza al secondo posto con 179,68 €/MWh, subito dopo la Repubblica Ceca con 183,82 €/MWh. Il supporto minore alle FER (16,20 €/MWh) si registra in Norvegia, dove le fonti rinnovabili incentivate costituiscono solo l’1% dell’elettricità lorda prodotta.

Nel 2015, i sussidi alle FER hanno rappresentato il 13% del costo della bolletta dei clienti domestici, una percentuale più che doppia rispetto al 6% del 2012.

Sulle fonti rinnovabili e i meccanismi incentivanti in Italia, le prospettive e gli obiettivi, il Servizio studi della Camera ha pubblicato nei giorni scorsi un dossier, in coincidenza con l’avvio dell’esame della proposta di direttiva europea sulla promozione dell’uso di energia da fonti rinnovabili.