Oggi:

2020-09-28 16:54

Pubblicato il decreto sul fabbisogno di impianti per il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani

QUEL CHE C’È DA SAPERE

Sulla Gazzetta Ufficiale del 19 aprile è stato pubblicato il DPCM 7 marzo 2016, con cui viene individuato, regione per regione, il fabbisogno residuo di impianti di recupero della frazione organica di rifiuti urbani raccolta in maniera differenziata. Il provvedimento, emanato in base alla legge “Sblocca Italia” del 2014, stima questo fabbisogno facendo la differenza tra la capacità di trattamento delle singole regioni e il fabbisogno teorico stimato per ciascuna di esse, indicando i valori minimi e massimi stimati.

Le stime si basano su un calcolo che valuta in 110-130 kg/ab. anno la quantità media pro-capite della frazione organica dei rifiuti urbani raccoglibile attraverso una raccolta differenziata dedicata, che è quello ottenuto dalle regioni che hanno già raggiunto l’obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata.

Il DPCM ribadisce i principi di autosufficienza e prossimità, per cui la frazione organica, che comprende sia il verde sia la frazione umida dei rifiuti urbani, va gestita sul luogo di produzione o nelle immediate vicinanze. Tuttavia, il DPCM ricorda che, in base alla normativa vigente, i rifiuti organici non sono soggetti ai vincoli di trattamento all'interno dell'ambito territoriale di provenienza. Spetta alle Regioni scegliere la tipologia, il numero e la localizzazione di massima degli impianti più appropriati, rimanendo all’interno della forbice di fabbisogno minimo e massimo stimata dal governo.

Piemonte, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria e Sardegna non hanno bisogno impianti, mentre Emilia Romagna e Puglia potrebbero averne necessità, nel caso si raggiungesse il valore massimo di frazione organica stimato dal governo. Per quanto riguarda le altre regioni, la Basilicata non ha neppure un impianto, mentre per le altre il maggior fabbisogno stimato riguarda, nell’ordine, Campania, Sicilia, Lazio, Liguria e Lombardia.